Il cabaret, Vivaldi e l’ascolto come gioco

“¿Os gusta el cabaré?”

Iniziava così una mia conversazione nella classe di spagnolo (chissà se avrò un giorno il coraggio di pubblicarla in lingua: non mi sento ancora abbastanza esperta da scrivere in idioma iberico), una conversazione nella quale ero stata invitata a cercare di raccontare qualcosa sull’ascolto della musica cosiddetta “classica”, intendendo con questa espressione la musica eurocolta dei secoli passati.

A voi piace il cabaret? A me sì. C’è un teatrino “punto Zelig” che frequento da anni, nel quale i bravi attori Monica Zuccon e Salvatore Esposito organizzano una bella stagione di cabaret. Il gradino della Café Sconcerto Sala Teatro ha visto passare noti e meno noti: quasi tutti i comici che poi sono diventati famosi nello Zelig televisivo sono passati di qua e li abbiamo potuti vedere agli esordi, insieme a quelli che non sono andati in TV ma hanno una loro bella carriera. Leonardo Manera, Dado Tedeschi, Daniele Raco, Domenico Lannutti, Francesco Foti (ex Cavalli Marci), tanto per citare i primi che mi vengono in mente, ma sono moltissimi! Così come attori più “nostrani”, che portano sul palco un cabaret più legato al territorio ma gustoso, spesso in dialetto, come  I PapuCarlo e Giorgio o Marco e Pippo-l’unico duo che è un trio.

Uno degli ultimi attori che ho visto recitare a Chirignago quest’anno, Henry Zaffa, si è raccomandato al pubblico di continuare a mantenere vivi luoghi come questo: il ritmo del teatro dal vivo, del cabaret dal vivo, è molto diverso da quello televisivo! Questi spazi consentono agli attori di non perdere il contatto col pubblico vero, appassionato, vicino.

Penso sia vero. In generale sarebbe preferibile, per quanto possibile, andare “nei luoghi deputati” a seguire il tipo di spettacolo/intrattenimento: un  film al cinema, un concerto in auditorium o in una chiesa, l’opera e la prosa nei teatri, etc.

Ma torniamo al cabaret: c’è quasi sempre in questo tipo di spettacolo almeno un momento in cui il pubblico è invitato a partecipare direttamente. Il divertimento sta tutto lì: partecipare, ridere di quello che si sta facendo, lasciarsi andare. Provate a guardare questo video, preso proprio da uno spettacolo dei Cavalli Marci: Alessandro Bianchi – Il Ballerina, nel quale l’artista imita un coreografo che invece di insegnare dei passi di danza, coinvolge il pubblico per realizzare un “paesaggio sonoro” dal titolo Al mare, riferendosi ai suoni-fantasiosi o verosimili, non ha importanza- emessi dai gabbiani, dalle alghe e dal transatlantico.

Beh immaginate qualcosa di analogo per rappresentare la primavera:

Gruppo 1: “È primavera, tutto è allegro e leggero, evviva!”

Gruppo 2: imita il canto degli uccellini.

1: “Evviva!”

Grupo 3: imita il suono dell’acqua dei ruscelli.

1: : “Evviva!”

Grupo 4: imita il temporale

1: : “Evviva!”

2: imita il canto degli uccellini.

1 “Tutto è allegro e leggero, evviva!”

Buffo, vero? Eppure è quello che in un certo senso ha fatto Antonio Vivaldi nel primo tempo de La Primavera. Solo che Vivaldi invece di fare il comico e coinvolgere il pubblico nella descrizione di alcuni aspetti della stagione, faceva il compositore e aveva a disposizione un’orchestra d’archi. Scrisse quindi questo suo Concerto per violino e orchestra cercando di imitare i suoni della natura descritti in un testo letterario, un sonetto, che forse ha scritto lui stesso.

Spesso questo brano piace all’ascolto perché evoca immagini e sensazioni di leggerezza e tranquillità, non necessariamente legate alla primavera. Inoltre, come avete visto nell’ipotetico copione pensato per quattro gruppi di un immaginario pubblico, il brano contiene delle ripetizioni, che sono facilmente riconoscibili e danno, per così dire, un senso di “sicurezza” a chi ascolta. Questi richiami a quanto udito all’inizio, che tornano dopo brevi episodi, consentono all’ascoltatore quasi “di ritrovarsi”. Ricordiamoci che la musica si svolge nel tempo, e solo la nostra capacità percettiva e mnemonica riescono a darle un senso, all’ascolto. Dunque il “piacere di ritrovarsi”, sebbene inconscio, può far apprezzare il brano stesso. Altre volte ancora, ascoltando, ci si muove dondolando quasi impercettibilmente: il dondolamento è un movimento ripetitivo che ci fa stare bene.

Queste modalità di ascolto (il movimento, seppur accennato, l’evocazione di immagini o sensazioni, il riconoscimento di ripetizioni o strutture musicali) sono le stesse che utilizzano anche gli ascoltatori che non apprezzano questa musica: magari La primavera annoia perché è troppo tranquilla o ripetitiva, o il timbro degli archi non piace.

Queste modalità di ascolto, secondo gli studi, sono anche le stesse che caratterizzano i nostri giochi infantili: movimenti, ripetizioni, “far finta di…”. Insomma: in un certo senso potremmo dire che ascoltare musica assomiglia un po’ a giocare! Interessante vero?

Se volete saperne di più potete andare a leggere l’Introduzione al libro Didattica dell’ascolto nella scuola di base, dove parlo anche di questo. Potete trovarla cliccando qui.

Annunci