Grazie Roma…

Ok, il titolo non è originale, ma desidero ringraziare pubblicamente tutti coloro che si sono adoperati per l’organizzazione e la buona riuscita del corso che si è tenuto ieri a Roma, e tutti i partecipanti, davvero attivi e interessati, che hanno reso agevole il lavoro di noi formatori.

So già che dimenticherò qualcuno, ma in quest’occasione tutto lo staff della Progetti Sonori si è adoperato moltissimo. Ringrazio quindi Giulia, Elisa e Annamaria, che si sono occupate di molte cose; Emanuele, Giulio e Lanfranco -il boss- che ho avuto il piacere di conoscere personalmente, la cui accoglienza, generosità e simpatia avevo già potuto apprezzare telefonicamente ma vis á vis è indescrivibile.

Tutti coloro che hanno consentito lo svolgimento del corso presso una sede bellissima! Qui potete ammirare uno scorcio del pavimento e del soffitto della sala dove abbiamo lavorato, protetti da lastre, e lo scalone d’ingresso: che ne pensate?

E i nostri corsisti, dei quali certamente mi sfugge qualche nome, in questo momento, ma in ordine sparso direi Arianna, Cristiana, Marzia, Giampiero, Felice, Santo, Simona, Sara, Sara, Andrea, Elena, Sonia, Maria Luisa, … Sì, lo so, mancano quei tre nomi che ho sulla punta della lingua, ma ben presenti i vostri volti sorridenti..  Spero di riuscire a farmi perdonare con qualche scatto in cui siete all’opera.

E naturalmente Gaetano, coautore e conduttore di molta parte di questo corso, ben costruito, armonizzato e guidato in modo efficace.

Come sempre in queste occasioni, la ricchezza dell’esperienza va oltre i contenuti proposti  e si ritrova nell’esperienza viva, fatta di persona da chi partecipa, nell’occasione di riprendere confidenza con il proprio corpo, le proprie emozioni e poterle condividere, insieme a dubbi, incertezze, difficoltà concrete che si incontrano nel fare scuola quotidiano. Ma anche insieme ad esperienze belle, ai propri alunni che sono la vera ricchezza di questo lavoro.

In ordine sparso direi che alcuni aspetti focali emersi possono essere riassunti nei seguenti punti:

  • in un corso di formazione, così come nella lettura di guide didattiche, posso arricchirmi di spunti pratici e prospettive, in qualche caso -come in questo- supportati anche da sostegni teorici seri e ormai appartenenti alla pedagogia musicale. Tuttavia sono sempre io a dover mediare con la realtà scolastica in cui opero, e per farlo dovrà chiedermi: è possibile per me, oggi, con questi gruppi di allievi proporre alcune di queste attività? Quali? Come (nello stesso modo o variandole, e in questo caso, come e perché)? Insomma: alla programmazione didattica non si può sfuggire, non ci sono scorciatoie: deve farla proprio l’insegnante!
  • A proposito di programmazione: d’accordo, poi si deve scrivere in “pedagogese”, ma non è molto più semplice utilizzare le domande chiave chi, cosa, come, quando, perché, dove (di questo avevo già parlato un po’ anche qui)?
  • Le possibilità che offrono le cosiddette attività espressive, non solo a livello disciplinare, ma anche come strumento metodologico, sono infinite, e consentono a molti allievi di esprimersi con modalità diverse dal mero nozionismo richiesto ancora troppo spesso. Ciò non toglie la necessità di dover insegnare anche nozioni:  i nostri giochi musicali, banalmente, possono servire a imparare a definire la velocità, la dinamica, le altezze… Ma le modalità utilizzate sono molto più importanti delle parole che alla fine le sintetizzano.
  • L’uso del corpo e della comunicazione non-verbale sono uno straordinario mezzo di relazione interpersonale, la cui presa di coscienza può aiutarci a condurre le attività in modo diretto e senza troppe spiegazioni, sfruttando al meglio le energie presenti nel gruppo.
  • Se come insegnanti ci fidassimo di più delle capacità dei bambini, del fatto che non sono così sovrastrutturati come noi; se riuscissimo a non decidere noi come potrebbero sentirsi e ci lasciassimo andare, osando metterci alla prova e a proporre attività e repertori “diversi” da quelli che conosciamo, utilizzati spesso solo per abitudine, la nostra vita scolastica potrebbe essere apparentemente un po’ più faticosa ma molto più gratificante e piena di energia!
  • Chi lo dice che non si possa iniziare la giornata con attività di movimento e musica, come una bella attività di presentazione, di saluto o di spostamento dei banchi per fare spazio? E perché non inventarsi momento musicali, anche per andare a prendere oggetti necessari allo svolgimento di attività, come sonorizzare l’andatura dei compagni? In questo modo, così come nell’uso della comunicazione non verbale, costringiamo bambini e ragazzi all’attenzione!
  • Chi lo dice che ragazzi vivaci non possano imparare a controllarsi, favorendo l’uso del corpo (è anche un modo per conoscerlo!)?

Molto altro è emerso, di positivo e interessante. E anche meno: ma sulle strutture fatiscenti, il poco spazio a disposizione, l’ingerenza delle famiglie, la sordità dei Ministri non è proprio il caso di soffermarsi.

Di nuovo grazie e, tanto per essere banali dal titolo alla fine: arrivederci Roma!

Annunci