Didone, per esempio

didoneperesempio

Se non avete già deciso cosa leggere sotto l’ombrellone, prendetevi Didone, per esempio, della mia amica Galatea.

” L’Antichità Classica. Solo a sentirla definire così, con quell’aggettivo che a tutti ricorda il liceo severo dove siamo andati – o peggio, dove non ci hanno fatto andare perché eravamo troppo ciucci – lo stomaco si chiude e un brivido passa lungo la schiena. L’Antichità Classica, ammettiamolo, specie in Italia ha una brutta fama. Quando qualcuno la nomina, la mente dei più subito si immagina antri di musei ingorgati di cocci, vasi scheggiati, teche piene di reperti incomprensibili, infilate di statue e di busti polverosi dai profili grifagni, che ti scrutano dalla penombra con l’espressione arcigna di chi domanda: «Brutto buzzurro, che vuoi?». L’Antichità Classica è quella roba antica, appunto, quindi un po’ fuori dal mondo, distante e sostanzialmente ormai inutile: un cumulo di discorsi retorici e brandelli di frasi solenni in lingue morte, citazioni incomprensibili, nomi di personaggi astrusi. Una roba vecchia, insomma, che non serve più a nessuno e che noi Italiani ci ritroviamo in casa, nostro malgrado, come ci si ritrova nella soffitta le carabattole della bisnonna, di cui nessuno sa mai che fare… “

 Mica male, come inizio, no?

Magari a qualcuno di voi potrebbe venire in mente di trovare un modo leggero (calvinianamente inteso) di parlare della Musica Classica, togliendo un po’ di polvere da parrucche e cembali… Chi lo sa!

In ogni caso… Buona lettura e buona estate!

 

Annunci